L'accorciamento dell'URL influisce sul SEO

L'accorciamento dell'URL influisce sul SEO?

Gli accorciatori di URL sono un male per l'ottimizzazione dei motori di ricerca (SEO)?

Se speri di ottenere una classifica di ricerca in prima pagina, dovrai costruire un sacco di backlink di alta qualità.

Anche se è sempre possibile creare dei backlink direttamente sul vostro sito web, un metodo alternativo è quello di eseguirli attraverso un accorciatore di URL. Se avete intenzione di utilizzare un accorciatore di URL, però, potreste chiedervi come influirà sui vostri sforzi di ottimizzazione sui motori di ricerca (SEO).

Come funziona un accorciatore di URL

Un accorciatore di URL è uno strumento, tipicamente web based, che viene utilizzato per accorciare un link attraverso l'uso di un redirect. Prende il vostro link originale e lo sostituisce con un link più corto.

È quindi possibile pubblicare il link abbreviato sui social media, blog e altre proprietà web. Quando un utente fa clic su di esso, viene reindirizzato al link originale.

Quando si esegue un link attraverso un accorciatore di URL, questo creerà un nuovo link utilizzando il dominio del servizio. Il nuovo link consisterà essenzialmente in nient'altro che un reindirizzamento 301 al link originale.

Alcuni dei principali accorciatori di URL includono:

  • TinyURL
  • ShortURL
  • Un po'
  • Ahi.ly
  • Buff.ly

Motivi per utilizzare un accorciatore di URL

In passato, gli accorciatori di URL erano essenziali per la pubblicazione di link su Twitter. Fino a settembre 2016, i link nei tweet contavano per il limite di caratteri di Twitter, che all'epoca era di 140 caratteri.

Di conseguenza, non era possibile condividere link lunghi sul popolare social network. L'unico modo per condividere un link lungo era quello di farlo passare attraverso un accorciatore di URL e poi pubblicare il link abbreviato piuttosto che il link originale.

Mentre Twitter non conta più i link verso il suo limite di caratteri, che ora è di 280 caratteri, ci sono ancora motivi per utilizzare un accorciatore di URL.

Se state creando dei link a una sotto-pagina sepolta in profondità nel vostro sito web, l'utilizzo di un accorciatore di URL può comportare un aumento del traffico.

Molti utenti di Internet sono riluttanti a fare clic sui link lunghi: secondo uno studio condotto da Marketing Sherpa, i link brevi attirano oltre il doppio dei clic rispetto ai link lunghi.

Utilizzando un accorciatore di URL, è possibile creare link più brevi e più attraenti che guidano il traffico verso il vostro sito web.

Un accorciatore di URL può aiutare a generare più condivisioni sui social media. È difficile per gli utenti ricordare i link lunghi. Se un link ha troppi caratteri nel suo dominio o nel suo percorso di directory, un utente può dimenticarlo, nel qual caso non sarà in grado di condividerlo sui social media.

Pubblicando link abbreviati, invece, gli utenti sono più propensi a ricordarli, il che può portare a un maggior numero di condivisioni sui social media.

È possibile tracciare più da vicino il traffico del vostro sito web utilizzando un accorciatore di URL. Tutti gli accorciatori di URL offrono analisi sui link abbreviati.

Dopo aver eseguito un link attraverso un accorciatore di URL e averlo pubblicato online, è possibile tenere traccia del numero di clic generati dal link abbreviato. Se si utilizza un accorciatore di URL per creare più link abbreviati, è possibile vedere quali link hanno generato il maggior traffico.

L'utilizzo di un accorciatore di URL può anche nascondere i link del vostro sito web ai concorrenti. Se un concorrente sta cercando di superare il vostro sito web, può analizzare i link del vostro sito.

Dopo aver identificato la posizione dei link più importanti del vostro sito web, il concorrente può tentare di ricrearli per il suo sito web. Ma se si esegue il link attraverso un accorciatore di URL, i concorrenti non saranno in grado di trovarli.

Accorciatori di URL e SEO: cosa dovreste sapere

Contrariamente a quanto si crede, l'utilizzo di un accorciatore di URL non danneggia o comunque non disturba i vostri sforzi di SEO. Mentre lavorava in Google, Matt Cutts ha pubblicato un video su YouTube in cui parlava dell'impatto degli accorciatori di URL sulle classifiche di ricerca di un sito web.

Secondo Cutts, Google tratta i link accorciati come un reindirizzamento standard 301. Pertanto, i link accorciati passano tutta la loro equità.

Altri motori di ricerca utilizzano un approccio simile quando gestiscono link abbreviati. Quando un motore di ricerca incontra un link abbreviato, il motore di ricerca assegna la pagina a cui reindirizza con tutta l'equità del link.

I reindirizzamenti 301 sono spesso utilizzati quando si cambia la posizione delle pagine web. Se si sposta una pagina web in una posizione diversa sul proprio sito web, è possibile utilizzare un reindirizzamento 301 per mantenere la classifica di ricerca della pagina.

Il reindirizzamento 301 viene aggiunto alla vecchia posizione della pagina, dove reindirizza gli utenti alla nuova posizione della pagina. I link abbreviati funzionano proprio come questi reindirizzamenti 301 convenzionali, passando tutti i link equi.

Google offriva anche un accorciatore di URL. Conosciuto come goo.gl, l'azienda Mountain View lo ha rilasciato nel dicembre 2009 per l'utilizzo con Google Toolbar e Feedburner.

Nel marzo 2019, Google ha interrotto il servizio e, poiché goo.gl è stato operativo per un decennio, è lecito supporre che Google visualizzi gli accorciatori di URL in modo favorevole.

Suggerimenti per l'utilizzo di un accorciatore di URL e SEO

  • Scegliete un accorciatore di URL affidabile e conosciuto. Se l'accorciatore di URL si spegne o si verifica un problema tecnico con i suoi server, tutti i vostri link accorciati potrebbero smettere di funzionare.
  • Testate sempre i link abbreviati prima di pubblicarli online per assicurarvi che funzionino come previsto. Se un link abbreviato fa scattare un errore 404 quando viene visitato, non pubblicatelo online, ma utilizzate un link standard o passate a un altro accorciatore di URL.
  • Considerate l'utilizzo di un accorciatore di URL premium che supporti gli URL slug personalizzati. Gli accorciatori di URL gratuiti in genere non hanno la personalizzazione degli URL slug, il che significa che siete costretti a utilizzare link generici. Gli accorciatori di URL premium, tuttavia, consentono di specificare gli URL slug desiderati, permettendo di creare link personalizzati descrittivi e ricchi di parole chiave.
  • Scegliete un accorciatore di URL che crea link senza data di scadenza. Se un link accorciato ha una data di scadenza, dopo tale data non funzionerà più.
  • Basta un singolo accorciatore di URL per tenere traccia di tutti i clic da un unico cruscotto di analisi.

Che si tratti di Google, Bing, Ask.com o DuckDuckGo, tutti i principali motori di ricerca utilizzano i backlink per determinare il posizionamento di un sito web.

Quando incontrano un link accorciato, lo tratteranno proprio come un reindirizzamento standard 301. Di conseguenza, è possibile utilizzare un accorciatore di URL quando si costruiscono i backlink.